www.magazzinodellecarni.it

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Toro allo spiedo

 Ogni anno, nella prima metà di ottobre, in occasione di "GRANAROLO IN FESTA", si compie il rito del "TORO ALLO SPIEDO".

Granarolo in Festa è la Sagra del Capoluogo, Granarolo dell'Emilia (nella prima cintura della Provincia Bolognese), sponsorizzata dal MAGAZZINO DELLE CARNI. Bancarelle sulla via principale, attrazioni e spettacoli non-stop in vari punti del centro cittadino, reso pedonale per l'occasione.

Tra le attrazioni della Sagra, l'aspetto gastronomico ha sempre avuto un ruolo primario, tanto che si devono allestire diversi stand  gastronomici per soddisfare migliaia di richieste. Da sempre, il MAGAZZINO DELLE CARNI è fornitore e sponsor della festa.

Nei primi anni '90, la Pro-Loco Granarolo, ente organizzatore, volle sperimentare una nuova attrazione: un "megaSpiedo" in piazza.

il "TORO ALLO SPIEDO"

Propose al MAGAZZINO DELLE CARNI di fornire un capo bovino, macellato allo scopo, da cuocersi intero, allo spiedo. Fu, da subito, un successo, tanto che la Sagra "Granarolo in Festa" è stata per anni identificata come "Festa del Toro".

Da allora non si è mai interrotta la sponsorizzazione: sono ormai una ventina i capi "immolati" alla causa.

 

Il giorno precedente la cottura, il Toro viene opportunamente preparato presso il laboratorio dell'azienda. Una volta mondato delle parti inutilizzabili, la carcassa viene fissata al palo dello spiedo. L'operazione presenta non poche difficoltà, vista la mole dell'animale.

Attorno alla mezzanotte, personale della Festa, lo viene a prelevare per portarlo al luogo di cottura nel piazzale a fianco della sede comunale di Granarolo. Nonostante l'ora tarda, l'arrivo del Toro in piazza attira un folto pubblico, che di lì a qualche ora sarà pure "nutrito" (... da cui un "nutrito pubblico")

 

Tutti seguono con curiosità le operazioni di scarico e di posizionamento del Toro. Immediatamente dopo, vengono accesi i carboni ed inizia la cottura che sarà lunga e laboriosa.

Tutto dovrà essere ultimato per il mezzogiorno del giorno seguente, quando verranno distribuiti i primi assaggi. 

Spettacolo nello spettacolo, nel corso dell'edizione del 2009 di Granarolo in Festa, su invito del MAGAZZINO DELLE CARNI, l'associazione de "IL CICCIOLO D'ORO" si è esibita nella cottura dei "ciccioli" in piazza.

Della serie: c'era una volta ...

Nello stesso piazzale dove si è cotto il Toro, giunti da Castagnola Emilia (RE), i "masador" (equivalente del nostro "inftidàur", colui che aveva "l'òssta", l'abilità e le conoscenze per praticare l'arte della macellazione e "l'investitura" dei suini) hanno prima tagliato in cubetti i lardi freschi di suino, per poi cuocerli nei paioli. Al termine di ogni cottura, i ciccioli bollenti, scolati e poi spremuti dall'eccesso di strutto fuso, sono stati fatti assaggiare alla folla di curiosi che, stupiti poi compiaciuti, hanno molto gradito.

Così come hanno gradito gli assaggi di salumi tradizionali emiliani (Produzione Propria - MAGAZZINO DELLE CARNI).